"…aggiungete alla vostra fede la virtù, alla virtù la conoscenza…" (2Pietro 1:5)

La Bibbia (tratto da…)

Pace con Dio

 (di Billy Graham)

“La Bibbia”

<<Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno>>.

( Matteo 24:35)

Il tempo fugge, la lancetta avanza verso la mezzanotte.

 Il genere umano si prepara al suo tuffo fatale.

Quale strada dobbiamo prendere?

C’è un sentiero che possiamo seguire?

Resta ancora qualche autorità?

C’è una luce che penetri le tenebre mortali?

 Esiste un codice che possa darci la chiave dei nostri problemi?

 C’è una sorgente di autorità che possiamo seguire?

 Siamo stati messi qui da un creatore o da una forza sconosciuta?

 Sappiamo da dove veniamo? Perchè siamo qua e dove andiamo?

La risposta è la seguente; abbiamo realmente un codice, abbiamo veramente una chiave, abbiamo una sorgente di autorità certa e sicura, e questa la troviamo nel vecchio libro storico che chiamiamo la Bibbia.

Questo libro ci è pervenuto attraverso i secoli; è passato attraverso innumerevoli mani, è apparso in molteplici forme e, malgrado ciò, ha resistito ad attacchi di ogni specie.

 Nè il vandalismo dei barbari, nè l’erudizione dei popoli civili l’hanno alterata; nè il fuoco della persecuzione, nè lo scherno dello scetticismo hanno potuto annientarla.

Attraverso secoli di oscurità, le sue gloriose promesse sono sopravvissute, immutabili.

Ora che ci avviciniamo ad un momento che sembra decisivo nella storia del mondo, esaminiamo di nuovo questo libro di saggezza e di profezia; cerchiamo il motivo per cui esso non è scomparso ed il perchè è stato la sorgente inestinguibile della fede e della forza spirituale degli uomini.

Alcuni considerano la Bibbia come la storia del popolo d’Israele, altri ammettono che essa racchiuda la più profonda morale che sia stata mai enunciata.

Queste cose, però, malgrado la loro importanza non sono che accessorie al tema reale della Bibbia, che è la storia della redenzione per mezzo di Gesù Cristo.

 Quelli che leggono le Sacre Scritture per trovarvi una letteratura di rilievo, una poesia magnifica o una storia attraente, e che chiudono gli occhi di fronte alla narrazione della salvezza, non sapranno afferrare il suo reale messaggio ed il suo vero significato.

Dio fece scrivere la Bibbia nella espressa intenzione di rivelare all’uomo il Suo piano di redenzione e di dare chiaramente ai Suoi figliuoli le Sue leggi eterne.

 Egli la fece scrivere perchè si lasciassero condurre alla Sua grande saggezza e confortare dal Suo grande amore per tutta la vita.

Senza la Bibbia, infatti, il mondo sarebbe veramente un luogo sinistro senza palo indicatore e senza faro.

La Bibbia è il solo libro contenente la rivelazione di Dio.

 Le altre religioni hanno anche le loro bibbie; il corano di Maometto, il canone delle sacre scritture buddiste lo zend-avesta di Zoroastro ed i veda bramanisti.

Tutti ci sono accessibili mediante traduzioni e possiamo giudicarne il valore.

Scopriamo subito che tutte queste bibbie non Cristiane si smarriscono in false direzioni; tutte cominciano con qualche tratto di luce e finiscono nella più completa oscurità.

L’osservatore, anche quello più superficiale, si accorge molto presto che la Bibbia è totalmente differente.

Essa è il solo libro che offre all’uomo una redenzione e che gli mostra come uscire dai suoi problemi.

Ci sono voluti 1600 anni per scrivere la Bibbia.

Essa è l’opera di più di 30 autori ciascuno dei quali ha ricoperto in qualche modo il ruolo di scriba di Dio.

Questi uomini, viventi in epoche differenti, non scrissero solamente quello che pensavano o speravano; essi furono gli strumenti per esprimere la volontà di Dio e scrissero sotto la Sua direzione.

 Per ispirazione divina vedevano le grandi ed immutabili verità e le registravano per trasmetterle ad altri.

Durante qusti 1600 anni, i 66 libri della Bibbia furono scritti da uomini di epoche, lingue e paesi molto diversi, tuttavia il loro messaggio è unico.

Dio parla ad ogni uomo nella sua lingua e nel suo tempo, ma il messaggio è fondamentalmente sempre lo stesso.

 Quando i grandi eruditi riunirono i vecchi manoscritti compilati in ebraico, in aramaico ed in greco, constatarono, traducendoli, in una lingua moderna, che le promesse di Dio erano immutabili e che il Suo messaggio, indirizzato all’uomo, non è cambiato.

Quando, oggi, leggiamo queste parole senza età, troviamo che le regole di condotta stabilite dagli antichi scribi sono ancora attuali e significative per la nostra generazione proprio come lo erano per i contemporanei di Gesù.

Non bisogna dunque meravigliarsi che la Bibbia sia stata sempre il libro più diffuso nel mondo.

Nessun altro libro può tener fronte alla sua profonda saggezza, alla sua bellezza poetica o alla sua esattezza storica e profetica.

I suoi critici, che la dicevano piena di errori, di finzioni narrative e di vane promesse, si accorgono oggi che le difficoltà provenivano dall’uomo e non dalla Bibbia.

 Una scienza esegetica più profonda e più esatta ha mostrato che le contraddizioni apparenti provengono da traduzioni inesatte e non da incoerenze divine.

E’ l’uomo e non la Bibbia che ha bisogno di essere corretto.

E’ divenuto di moda tuttavia, in più di una cerchia di uomini colti, di scherzare sulla Bibbia e di considerarla sempre di più come un insieme di cose inutili (letteralmente; un nido di polvere) anzichè la Parola vivente di Dio.

<<Sai quello che contiene la Bibbia?>> domandava il pastore ad una fanciullina.

<<Certo signore, rispose ella fieramente ed enumerando; la fotografia di un amichetto di mia sorella, la ricetta della crema di bellezza di mamma, un ciuffo di capelli di neonato ed il certificato di garanzia dell’orologio di papà…>>.

Questo era tutto quanto ella sapeva della Bibbia di famiglia.

Ci si è troppo serviti della Bibbia per riporvi delle vecchie lettere o dei fiori secchi, dimenticandovi il soccorso e la sicurezza che Dio dà per mezzo di questo libro.

Tale attitudine si avvia a cambiare rapidamente, la vita si spoglia dei suoi artifizi e delle sue fioriture, le false promesse dell’uomo all’uomo appaiono ormai quello che sono; delle brillanti menzogne.

Quando noi facciamo girare intorno a noi degli sguardi inquieti alla ricerca di qualcosa di tangibile, di vero, di durevole, ritorniamo al vecchio libro che ha dato la consolazione, il conforto e la salvezza a milioni di uomini nei secoli che sono passati.

 Sì, gli uomini<<scoprono>> di nuovo la Bibbia!

Tolgono la polvere da quelle che hanno o ne comprano delle nuove.

 Le espressioni familiari ma ormai dimenticate suonano alle loro orecchie in una maniera completamente nuova; sembra loro siano state scritte ieri.

Questo perchè la Bibbia contiene tutto quello di cui l’uomo ha bisogno per riempire il vuoto della sua anima e risolve i suoi problemi.

 Questo è il piano del grande Architetto ed è seguendo le Sue direttive che possiamo costruire la vita che cerchiamo.

 Qui in America abbiamo un altro documento che stimiamo e rispettiamo, è stato scritto più di 150 anni fa da un numero di uomini che vi lavorarono lungamente ed ancora più lungamente discussero sul suo contenuto per poi inviarlo finalmente, ai tredici stati federati per la ratifica, quelli che elaborarono la nostra costituzione sapevano che gettavano le basi di un governo di uomini liberi, riconoscevano che non si può vivere liberi ed indipendenti senza comprendere la legge, ognuno doveva conoscere i suoi diritti e i suoi privilegi ed i limiti della sua libertà. Tutti dovevano essere uguali davanti alla legge, e nessun giudice doveva essere parziale poichè il giudice stesso era sottoposto alla medesima legge, mentre il resto del mondo osservava con meraviglia questa esperienza, l’americano comprese che poteva essere veramente libero se avesse conosciuto e messo in pratica la legge, conosceva così la sua posizione esatta, i suoi diritti ed i suoi doveri costituzionali, egli sapeva che trascurando le sue responsabilità, i suoi diritti ne avrebbero sofferto.

Come l’America ha prosperato sulla base della costituzione, il Cristianesimo è sbocciato e si è propagato su quella delle leggi stabilite nella Bibbia.

Come la costituzione si applica a tutti gli uomini che essa governa, senza particolarità nè interpretazioni speciali, la Bibbia è la suprema costituzione di tutta l’umanità; le sue leggi si applicano a tutti ugualmente senza eccezioni nè interpretazioni speciali.

 Come la costituzione è la legge suprema del paese, la Bibbia è la legge suprema di Dio per il mondo, poichè è dalla Bibbia che Dio promulga le Sue leggi spirituali.

 E’ per mezzo della Bibbia che Dio dà le Sue eterne promesse e per mezzo di essa rivela il piano di redenzione del genere umano.

Noi possiamo vedere le leggi di Dio nelle meraviglie della natura, chi non ha avuto, osservando le stelle, in una notte senza nubi, un sentimento di stupore misto a paura di fronte alla grandezza dell’opera divina?

Chi non ha sentito in primavera il suo cuore trasalire alla vista della creazione risplendente di una vita e di un vigore nuovi?

 Nella bellezza e nell’abbondanza che ci circondano, noi riconosciamo la meravigliosa potenza di Dio ed i dettagli infiniti del Suo piano, ma la natura nulla ci dice dell’amore di Dio nè della Sua grazia.

Noi non troviamo la promessa della nostra personale salvezza nella natura.

E’ la coscienza che nel fondo di noi stessi ci dice della presenza di Dio e della differenza morale tra il bene e il male.

Ma è questo un linguaggio frammentario meno distinto e chiaro che le lezioni della Bibbia, soltanto nelle sue pagine noi troviamo il messaggio preciso ed infallibile sul quale si fonda il vero Cristianesimo.

Il Cristianesimo attinge tutte le sue dottrine dalla Bibbia ed il vero cristiano non cerca nè di togliere nè di aggiungere qualche cosa alla Parola di Dio.

 Egli crede fermamente che gli uomini che hanno scritto la Bibbia furono guidati dallo Spirito Santo tanto nei pensieri che nella scelta delle parole, poichè come ha detto Pietro: <<non è dalla volontà dell’uomo che venne mai alcuna profezia, ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perchè sospinti dallo Spirito Santo>> ( 2Pietro 1:21).

Paolo ci dice <<ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile ad insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, affinchè l’uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni opera buona>> ( 2Timoteo 3:16,17).

Scrivendo i loro messaggi, gli autori biblici non hanno cercato di deformare le realtà della vita.

 I peccati dei grandi e degli umili, come le debolezze della natura umana sono riconosciuti apertamente e la vita dei tempi biblici è riportata fedelmente.

 Cosa incredibile, le esperienze e gli impulsi delle persone che vivevano tanto tempo fa hanno un sapore moderno!

Mentre leggiamo la Bibbia, le sue pagine ci appaiono come degli specchi eretti davanti al nostro spirito ed al nostro cuore e riflettenti il nostro orgoglio ed i nostri pregiudizi, i nostri errori e le nostre umiliazioni, i nostri peccati e le nostre sofferenze.

La Verità non è sottomessa alle leggi del tempo; essa non cambia da un’epoca a un’altra, da un popolo o da un luogo geografico ad un altro.

 Le idee degli uomini possono differire, le abitudini, i codici della morale umana possono variare, ma la grande verità trascendente resta la stessa per il tempo presente e per l’eternità.

Il messaggio di Gesù Cristo nostro Salvatore, ecco la storia della Bibbia, la storia della salvezza.

 Numerosi commentatori fanno risalire la storia di Gesù Cristo al principio del Vecchio  Testamento, poichè Egli è il vero tema del Vecchio come del Nuovo Testamento.

Egli appare nella Genesi come la posterità della donna.

Nell’Esodo è l’Agnello pasquale

Nel Levitico è il sacrificio espiatorio

Nei Numeri è la roccia colpita

Nel Deuteronomio è il Profeta

In Giosuè è il Capo dell’esercito dell’Eterno

Nei Giudici è il Liberatore

 In Ruth è il congiunto celeste

Nei sei libri dei Re è il Re promesso

In Nehemia è il Restauratore della nazione

In Esther è l’Avvocato

In Giobbe è il mio Redentore

Nei Salmi è il mio tutto

Nei Proverbi è il mio modello

Nell’Ecclesiaste è il mio scopo

Nel Cantico dei cantici è Colui che mi soddisfa

Nei Profeti è il Principe di pace

Negli Evangeli è il Cristo venuto a cercare e salvare

Negli Atti  degli Apostoli egli è il Cristo risuscitato e glorificato

Nelle Epistole è il Cristo alla destra del Padre

Nell’Apocalisse è il Cristo che ritorna e regna.

Questo è il messagio eterno della Bibbia, è la storia della vita, della pace, dell’eternità e del cielo.

 La Bibbia non ha intenzioni nascoste, non domanda intenzioni nascoste, non domanda interpretazioni speciali; è un messaggio unico, chiaro ed ardito per ogni creatura; è il messaggio di Cristo e dell’offerta di pace con Dio.

Un giorno, su una montagna nei pressi di Capernaum, Gesù era seduto con i Suoi discepoli; Pietro e Giovanni erano indubbiamente vicino a Lui, è probabile che Gesù abbia allora guardato ciascuno dei Suoi discepoli con calma e tenerezza, come un padre guarda ogni membro della sua famiglia, amando ciascun figlio separatamente, amandolo per una ragione particolare, in una maniera tale che ognuno senta di essere l’oggetto speciale del suo amore, è così che Gesù deve aver amato i Suoi discepoli.

 Il piccolo gruppo era certamente raccolto sotto questo sguardo sereno e pieno d’amore, ognuno presagiva che qualcosa di molto importante gli sarebbe stato detto, qualche cosa di cui doversi ricordare per poterlo trasmettere a tutti quelli che nel mondo non avrebbero avuto il privilegio di udire quelle parole dalle labbra stesse del Maestro.

Poichè là sulla montagna, in piedi forse sotto le foglie grigio-argento di un ulivo, Gesù predicò il più grande sermone che orecchio umano abbia mai udito.

Spiegò l’essenziale della vita cristiana; quando ebbe terminato, i Suoi uditori attenti, <<stupivano del Suo insegnamento, perch’Egli li ammaestrava come avendo autorità, e non come i loro scribi>> ( Matteo 7:28,29).

In effetti, predicava con autorità, un’autorità divina, e le regole che Egli stabiliva erano le regole stesse di Dio, quelle che ogni credente deve seguire con la speranza della salvezza nel cuore.

Se non avete presso di voi una Bibbia, andate subito a procurarvene una, quella che preferite; scegliete i caratteri più gradevoli da leggere, poi cercate voi stesso la ragione per la quale questo libro unico è sopravvissuto; cercate la ragione per la quale esso dà all’umanità la fede e la forza che gli permettono di avanzare.

Se non avete letto la Bibbia da molto tempo, sarebbe bene di rinfrescare le vostre conoscenze rileggendo il Vangelo di Giovanni, perchè se esso è considerato uno dei libri più profondi della Bibbia, è anche il più chiaro ed il più facile a comprendere.

E’ stato scritto per spiegare il <<come>> ed il <<perchè>> della salvezza dell’uomo, risponde ai bisogni del vostro spirito ed alle esitazioni del vostro cuore.

Dopo aver letto il libro di Giovanni, voi potete prendere conoscenza dei Vangeli scritti da Marco, Luca e Matteo; vi accorgerete che questi uomini, dalla personalità e dallo stile così differenti, mettono sempre in evidenza la Redenzione di Gesù Cristo.

Conoscerete allora la verità, potente ed universale che racchiude tutto l’insegnamento evangelico, e, una volta di più, sarete colpiti da queste parole: <<Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno>> ( Ebrei 13:8).

Quando avrete letto ogni Evangelo separatamente, ricominciate da capo a leggere tutti i libri del Nuovo Testamento nell’ordine in cui si trovano, avrete preso allora un tale gusto alla lettura della Bibbia, troverete in essa una tale sorgente di ispirazione, una tale miniera di consigli, che consulterete ogni giorno una guida tanto saggia e sicura.

La conoscenza della Bibbia è indispensabile per una vita ricca e bella, poichè le parole di questo Libro hanno il potere di colmare il vuoto della nostra anima e di trasformare in brillanti gioielli i giorni scuri della nostra vita.

Imparate a sottomettere tutti i vostri problemi alla Bibbia; troverete nella sue pagine la risposta esatta.

La Bibbia è innanzitutto la rivelazione della natura di Dio, i filosofi di tutti i secoli hanno discusso il problema dell’Essere Supremo.

 Chi è Egli? Che cosa è? Dove è? Se quest’Essere esiste, s’interessa di me? Se sì, come posso conoscerlo? Questi quesiti e migliaia di altri sono risolti in questo Libro sacro che noi chiamiamo la Bibbia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...